15 dicembre 2007

il ringraziamento...

GRAZIE! ...E' una cosa così piccola, solo una parola, ma molto potente, in grado di far star bene e mettere in pace i cuori.
Chissà perchè molte persone non sono capaci di dirla..come se pronunciandola perdessero qualcosa...beh, sì , forse si rinuncia ad un po' di orgoglio a volte e questo può dare la sensazione di perdere un po' di sè...ma quanto benessere ti porta in cambio!
A Los Angeles, da Licia e Steve il ringraziamento si respira nell'aria, com'è giusto che sia , loro si ringraziano spesso l'un l'altro, come per ricordarsi che nulla è dovuto o scontato ma tutto è un'atto di volontà e di consapevolezza di ciò che significa amore.
(Nella foto sopra, Licia e Nicoletta accorse al capezzale di Steve, stremato dalle decine di lettere di ringraziamenti e auguri natalizi che in quei giorni hanno scritto...io e Nicoletta abbiamo incollato i francobolli e"leccato" le buste...decine..per ogni dove!)
Durante la vacanza, Steve ci ha portate tutte e tre a vedere gli addobbi natalizi in un quartiere "di ceto medio"..Io Licia e Nicoletta eravamo tutte un "oooohhhh!!! che beeellooo!!"
Insomma anche le case della gente normale ci hanno offerto un vero spettacolo natalizio, tant'è che pochi giorni dopo, Steve è tornato in quel quartiere a prendere l'indirizzo di quella decina di abitazioni, ed ha mandato loro una lettera di ringraziamento per lo sforzo fatto nell'offrire a tutti un po' di emozione e bellezza di cui gioire! :-)
...che pensiero carino!..a chiunque farebbe piacere ricevere lettere di ringraziamenti, anche dagli sconosciuti! :-)

5 commenti:

Scarabocchio ha detto...

E' bellissimo e verissimo quello che hai scritto... tutto, dall'inizio alla fine!

Poi dal sentimento però passo in un nanosecondo alla fase veniale: guardando la spettacolare foto della casetta luminosa mi chiedo dove hai trovato il coraggio di tornartene in Italia???

;)

Elena ha detto...

Ieri andando a Pordenone per lavoro ho esclamato un Hoooo per una casa addobbata proprio all'americana e poi ho anche detto "ma guarda tè che pazzi!!"
:-)
Non siamo abituati agli eccessi e troppe luminarie passano per pazzie,in America sono tutti pazzi anche quelli "normali"difficile essere originali per loro ,devono veramente Sta-fare.
Alla fine però il più sorprendente ed originale è stato proprio Steve che ha preso la macchina ed il disturbo di dire grazie a degli sconosciuti.
:-)

Dona ha detto...

hai ragione Elena, noi non siamo abituati agli eccessi ne a dar spettacolo, in America tutto fa spettacolo, si sa, vita e morte e la gente fa a gara per mettersi in mostra..forse noi europei siamo più concreti...pensa a quanto spende quella gente per un medio natale...e in termini di consumo energetico...qui non esiste! se attacco più di tre elettrodomestici contemporaneamente e supero il 39% di potenza erogata mi salta la corrente e si resta tutti al buio! forse noi ragionevolmente pensiamo anche all'ambiente e all'energia sprecata...per questo l'america è come un sogno luccicante! ma resta là, loro se ne fregano delle risorse del pianeta e continuano con il loro megashow...

Dona ha detto...

però ragazze è veramente un altro mondo quello!
qui sembra tutto più triste e buio..ma da ogni sogno è bene svegliarsi!
Anche gli Americani dovranno svegliarsi e rendersi conto che stiamo tutti sullo stesso pianeta, e il loro inquinamento inquina anche noi!

Dona ha detto...

hehe.. cara scara è il solito discorso di"c'è chi ce li ha, chi non ce li ha e chi stenta!"
beh..qui si stenta e addobbi di quel genere non sono alla mia portata..persino mandare lettere agli sconosciuti per quanto siano fonte di piacere per chi spedisce e chi riceve, è una spesa che evito dovendo badare solo al necessario.. :-(